Strattu di pomodoro

Color rosso fuoco, cremoso e un profumo che richiama tutta la ricchezza della Sicilia. Oggi si parla dello strattu di pomodoro, un concentrato e prezioso alleato per gli amanti della cucina.

Conosciuto anche come estratto (o strattu in dialetto siciliano), il concentrato di pomodoro è una salsa densa e profumata, ricavata proprio dalla polpa del pomodoro.

Il prodotto che si ricava da questa lavorazione può essere differente: concentrato, doppio concentrato o triplo concentrato.

Si tratta di un asso della manica per chi cucina. Con un gusto deciso e inconfondibile, arricchisce qualsiasi tipo di pietanza, spezzatini e stufati, salse e sughi.

Inoltre è facilissimo da preparare. Bastano solo due ingredienti: pomodoro e sale.

Lo strattu di pomodoro: una storia da esplorare

Tutto nasce nel Sud Italia quando il pomodoro inizia ad essere consumato come alimento afrodisiaco. In seguito diventa parte integrante della cucina meridionale e inizia ad essere esportato in Europa.

Inghilterra e Francia furono i primi Paesi a coltivarlo come pianta ornamentale.

Successivamente, il pomodoro venne pensato come conserva. I contadini parmensi erano soliti far essiccare il pomodoro al sole per poi trasformarlo in salsa.

È solo più tardi che la storia del concentrato di pomodoro ha inizio.
Affonda le sue radici nel ‘900, quando le aziende conserviere emiliane iniziarono a produrre i primi estratti dalla polpa del pomodoro.

La prima vera produttrice su scala industriale fu l’azienda Mutti, quando, negli anni 50, a Parma, mise in commercio nei supermercati di tutta Italia il concentrato in tubetti, per un uso facile e veloce.

Negli anni successivi ha avuto successo anche in altre regioni italiane, soprattutto in Sicilia dove ha preso un nome proprio, u strattu, e uno stile in cucina unico e particolare.

Differenze tra passata e concentrato

Sebbene alcuni affermino che i due concetti abbiano lo stesso significato, in realtà presentano differenze determinanti.

La passata di pomodoro è una salsa che si ottiene pelando i pomodori, eliminando i semi e l’acqua di vegetazione e passandoli al passaverdure a maglia fine, così da ottenere una conserva densa e cremosa.

Nelle regioni del Sud, e soprattutto in Sicilia, grazie alla qualità pregiata dei pomodori e alla fertilità delle terre, la passata di pomodoro viene considerata la regina delle conserve.

L’estratto di pomodoro, invece, come si intuisce dal nome, si ottiene cuocendo a lungo i pomodori, passandoli al passaverdure a maglia fine e infine stendendo la passata ottenuta su delle apposite tavole o dei larghi “piatti” in ceramica ed esponendola al sole per una settimana circa.

Il risultato non è una salsa, ma una pasta molto più densa e dal gusto molto più deciso.

In base alla concentrazione di zucchero si ottengono tre differenti tipologie di estratto: il concentrato di pomodoro, il doppio concentrato e il triplo. In Sicilia u strattu si utilizza per insaporire minestre, zuppe e ragù.

Paolo Manetta

Articoli Correlati

  1. KammaRata | Prodotti tipici siciliani per la solidarietà
  2. Pupu cu l’ovu
  3. U crivu | storie della Sicilia
Questo elemento è stato inserito in News. Aggiungilo ai segnalibri.

2 pensieri su “Strattu di pomodoro

  1. Pingback: Scannaturi o spianatoia siciliana - Sicani Solidale Shop

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *