349 3639931 info@sicanisolidaleshop.com
Prodotti Tipici

Pasta di Tumminia

  • News

Realizzati con farina di grano antico siciliano Tumminia (o Similia), conservano il gusto tipico e caratteristico del cereale di provenienza.

Sono ottimi conditi con sughi importanti e saporiti, oltre ad essere particolarmente adatti nella versione cotta al forno. Fin dal primo assaggio si percepisce il gusto intenso e dolciastro che lo rende piacevole anche ai più piccoli.

Questa pasta è caratterizzata dalla qualità della materia prima, prodotta direttamente da un’azienda dell’entroterra siciliano, nella magia di un luogo incontaminato come quello dei Monti Sicani.

La pasta di Timilia è ricca di vitamina B, sali minerali come sodio, potassio, ferro, calcio, fosforo, zinco e grassi polinsaturi a protezione del sistema cardiovascolare, presenta un alto valore proteico ed un basso indice di glutine ed è prodotta per mezzo di antiche macine a pietra secondo le antiche tradizioni. Tale metodo permette di ottenere farine ad alto valore nutrizionale e organolettico, con una granulometria irregolare, ricca di crusca e con la totale conservazione del germe, nel quale è contenuta la parte più nobile e saporita del seme.

Inoltre, come per gli altri prodotti derivati dai grani antichi di Sicilia, molto basso o nullo risulta essere il livello di micotossine, molecole tossiche prodotte dai miceti, termoresistenti, la cui azione sull’organismo umano può provocare danni a livello di diversi organi e tessuti (fegato, sistema gastro-enterico, rene, sistema immunitario, ecc.). Tale caratteristica è conseguenza del caratteristico clima secco e del basso grado di umidità del territorio.

È un grano molto resistente alla siccità, adatto alle coltivazioni in paesi caldi e secchi, per questo motivo prese piede nelle regioni del sud Italia come la Sicilia.

Va conservato in luogo fresco e asciutto, al riparo dalla luce.

 

Ricetta Penne di Tumminia alla Norma

La pasta alla norma è di uso comune nella terra siciliana, il cui nome venne dato in onore al famoso commediografo Catanese Vincenzo Bellini in occasione della prima della sua famosa opera teatrale “La Norma”.

Ingredienti:

400g Penne di Tumminia;
500g passata di pomodoro;
200 g ricotta salata stagionata;
2 melanzane medie;
2 spicchi di aglio;
basilico;
olio extra vergine di oliva;
sale e pepe.
Lavate e spuntate le melanzane, quindi tagliatele a fette di 4 mm di spessore in senso verticale. Ponetele in un colapasta cospargendole, strato per strato, di sale grosso, poi copritele con un piatto e sistemate al di sopra di esse un peso: lasciatele spurgare così per almeno mezz’ora. Intanto preparate la salsa di pomodoro in un tegame facendo dorare l’aglio nell’olio. Passateli al setaccio e rimettete tutto sul fuoco per fare addensare; una volta spento il fuoco, aggiungete metà delle foglie di basilico fresco.

Sciacquate le melanzane sotto l’acqua corrente, poi asciugatele per bene con un canovaccio pulito e quindi ci sono 2 alternative: friggere in olio di oliva ben caldo (ricetta originale) oppure farle saltare in padella con un po’ di olio (più leggera), fino a dorarle.

Trasferite le melanzane su della carta assorbente da cucina per eliminare l’olio in eccesso. Mettete quindi a bollire la pasta in abbondante acqua salata. Mentre la pasta cuoce, tagliate a cubetti le melanzane fritte e trasferitele in una padella assieme a qualche cucchiaio di sugo di pomodoro. Quando la pasta sarà al dente, scolatela ed unitela al condimento in padella; fate saltare un minuto e poi servite la pasta ricoprendola con il restante sugo di pomodoro, della ricotta salata grattugiata e foglie di basilico fresco .

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *